Tribunale di Roma, 20 Dicembre 2013(ord.) Est. Giovene di Girasole, N.M., P.M., M.G.,E.P., T.H. e P.D. c/ I.I. S.p.A.

A fronte della previsione legislativa che impone la forma scritta del licenziamento e, quindi, la sottoscrizione del datore di lavoro, deve ritenersi inefficace in quanto intimato in violazione dell’art. 2, comma 1, 1. 604/66, il provvedimento espulsivo irrogato al lavoratore tramite messaggio di posta elettronica in quanto, lo stesso, non può fornire alcuna certezza sulla provenienza o sull’identità dell’apparente sottoscrittore.

About Avv. Filippo Aiello

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *